Caicchi in Vendita

Operativi in Turchia/Italia in conformità agli standard CE/internazionali

Origine e modelli

La Turchia gode di un florido mercato di un particolare tipo d’imbarcazione, denominata Gulet e ormai conosciuta in tutto il mondo anche con nomi differenti come Gulets, Gullet, Goulet, in Francia Goulette, in Spagna Goleta, in Italia Caicco.
Questo modello di motorsailer, nell’antichità costruito completamente in legno ed usato localmente come barca da lavoro e da pesca, ha subito nel corso dei decenni un’evoluzione per adattarlo all’utilizzo di imbarcazione da diporto, date le sue caratteristiche di confort e sicurezza. Queste imbarcazioni, classificate Motorsailer, hanno come propulsione principale il motore e usano le vele come supporto. Infatti nel rapporto tra motore (misurato in Hp) e superficie velica (misurata in metri quadri di tela), la motorizzazione risulta superiore al 50%. Queste imbarcazioni si distinguono, proporzionalmente alle loro dimensioni, per gli ampi spazi esterni ed interni, grandi tendalini con comode cuscinerie prendisole e a poppa ampi tavoli per i pasti. Dispongono inoltre di capienti serbatoi per acqua, carburante e acque nere.

I modelli classici dei Caicchi sono:

Gulet, a poppa tonda, di linea classica molto filante ed elegante, con un’ampia cuscineria di poppa ma per questo gli spazi sottostanti delle cabine sono più piccoli. Possono avere l’armo a ketch o a shooner. Le misure variano dai 16 ai 50 mt.
Aynakiç, a poppa tagliata che consente un maggior utilizzo degli spazi interni potendo ricavare un’ampia cabina armatoriale. L’armo generalmente è a ketch. Le misure possono variare dai 16 ai 50 mt.
Tirhandil, a poppa e prua a spigolo alla stessa altezza. Quest’ultimo modello consente migliori prestazioni veliche. Generalmente dotate di un solo albero, risultano eleganti su metrature non superiori ai 19 mt.


Categorie

Caicchi di categoria Luxury: spesso con doppia motorizzazione e buon sistema velico, dotati di ogni confort con moderne e complete tecnologie di navigazione e sicurezza. La maggior parte ha scafi in lamellare, talvolta in acciaio, lunghezze da 18 fino a 50 metri. Gli spazi interni offrono eleganti arredi classici o moderni di design; le cabine, sempre molto ampie, sono al massimo 5 o 6 e dotate di ogni comodità - impianto di regolazione indipendente di aria condizionata, ampi vani per riporre vestiario e oggetti personali, flat Tv e Dvd, grandi bagni con box doccia o vasca, spesso con idromassaggio. Questi Caicchi rispondono alle normative Europee essendo in possesso di marcatura Ce o Classificazioni richieste. I Caicchi di questa categoria hanno costi importanti. Li suggeriamo per uso privato o per uso commerciale per un target di clientela alto e molto esigente.

Caicchi di categoria Superior: offrono delle spaziose cabine, dei comodi bagni con box doccia, piacevoli arredi, spesso armo velico adeguato, uno o due motori, generatore, impianto per l’aria condizionata, frigoriferi e congelatore. Per questo tipo di Caicchi talvolta sono usati anche legni pregiati e materiali sempre più vicini alle normative europee. Sono spesso dotati di equipaggiamento per sport acquatici vari. I prezzi di questa categoria paragonati a quelli Europei restano comunque ancora molto competitivi. Questi Caicchi li consigliamo per uso privato o per uso commerciale per un target di clientela medio alto.

Caicchi di categoria Standard: ormai datati, con un solo motore nella maggior parte dei casi non marino, spesso senza aria condizionata e congelatori. Hanno scafo, tuga e ponte in legno, generalmente in pino, a volte neanche marinizzato, con interni semplici ed essenziali. Spesso sconsigliamo l’acquisto di Caicchi di questa categoria sia per l’uso privato che per quello commerciale in quanto non rappresentano fonte di reddito a meno che non si voglia far fronte ad ingenti e costose opere di adeguamento.


Materiali degli scafi

Scafo in lamellare. Le parti strutturali e lo scafo vengono realizzati seguendo questa tecnologia. Il tronco, generalmente di mogano, viene diviso in listelli, essiccati e scelti per qualità, giuntati a formare le “lamelle” calibrate in spessore. Infine, disposte a pacchi e tra loro incollate con resine epossidiche a formare le travi. Le caratteristiche di resistenza meccanica sono superiori a quelle del legno massiccio, grazie alla scelta delle tavole e alle eliminazioni di tutti quei difetti non compatibili con l’uso strutturale, nonché all’uso di collanti sintetici ad elevata resistenza, sia meccanica che nel tempo. Questi scafi non necessitano di manutenzione ordinaria annuale.

Scafo in acciaio. In alternativa al lamellare, negli ultimi anni alcuni cantieri in Turchia si sono specializzati nella costruzione di scafi in acciaio, tuga, ponte e rivestimenti interni in legni pregiati con buoni risultati di sicurezza ed estetici ed una netta riduzione dei costi di manutenzione. Allo stato attuale sul mercato esistono alcuni Caicchi con questo tipo di scafo ma di dimensioni importanti.

Fasciame tradizionale. L’ossatura, in legno, viene rivestita con tavole di legno come il pino o più pregiati quali il teak, l'iroko e il mogano inchiodate e calafatate per impermeabilizzare lo scafo. Questo tipo di scafo richiede un’attenta e costante manutenzione annuale. A chi fosse interessato all’acquisto di un Caicco specialmente con questo tipo di scafo consigliamo di fare molta attenzione, perché se le imbarcazioni non hanno avuto nel corso degli anni una regolare e precisa manutenzione possono presentare dei grossi problemi. Negli ultimi tempi questo tipo d’imbarcazioni usate si trovano anche in altre zone del mediterraneo, però con prezzi maggiori perché già rinnovate e immatricolate in Europa.